Valzer delle panchine: manca solo un… “Pochettino”

by Valerio Pennati | 8 Maggio 2019

Solo tre giornate dal termine del campionato, obiettivi importanti ancora da conquistare per tante squadre e fuori dal campo impazza il toto-allenatore. Molte big di serie A, infatti, stanno valutando se proseguire con il loro attuale mister o svoltare: tra queste c’è sicuramente il Milan che sta scoprendo piano piano tutte le sue carte…

Intrigo per la panchina del Milan: tutta la verità

La panchina più calda in questo momento è sicuramente quella del Milan, con i rossoneri chiamati a scegliere l’allenatore perfetto in vista della prossima stagione per ripartire al meglio con il secondo anno targato Elliot. Fino a qualche mese fa la società americana e in primis l’amministratore delegato Ivan Gazidis erano conviti di confermare Rino Gattuso alla guida del Milan anche per la prossima stagione. Ai primi di marzo, in particolare dopo il ko nel derby che ha dato il via ad un periodo negativo, però il mister calabrese ha ravvisato i primi segnali di insofferenza alla forte pressione tanto da far intendere alla società che avrebbe anche potuto lasciare la panchina proprio a causa del forte stress a cui è costantemente sottoposto. Gazidis così ha deciso di prendere in mano la situazione e tornare nella sua vecchia cara Londra per provare a convincere il suo obiettivo: Mauricio Pochettino. Il manager sudafricano ha proposto all’attuale tecnico del Tottenham un contratto di 4 anni per programmare insieme il futuro del Milan e far crescere una squadra importante, garantendo anche investimenti sul mercato. L’allenatore argentino ha preso tempo e ha chiesto di poter dare una risposta definitiva a fine campionato, complice anche un finale di stagione caldo per il suo Tottenham con la semifinale di Champions League. Sempre a Londra i rossoneri hanno cercato anche un altro “Maurizio”, il tecnico del Chelsea Sarri. I Blues però, dopo la positiva stagione dell’italiano ex Napoli ed Empoli, hanno deciso di alzare il muro e di confermare Sarri come vi avevamo svelato in anteprima su Twitter.

Non c’è solo Pochettino

La storia però non finisce qui e il mistero intorno alla panchina del Milan si infittisce, con l’ingresso di altri pretendenti. Pochettino sta pensando seriamente all’offerta di Gazidis e sembra molto allettato verso questa nuova esperienza, ma nel frattempo, per non farsi cogliere impreparati, i rossoneri hanno mosso i primi passi con Gian Piero Gasperini, seconda scelta in casa Milan; mentre sullo sfondo resta Eusebio Di Francesco, attualmente al terzo posto in questa “speciale classifica” rossonera che però è seguito da vicino anche dal Siviglia dell’amico Monchi. Infine i vertici del Milan hanno fatto più di un pensiero su Antonio Conte, ma il manager italiano sembra intenzionato ad accettare una sfida che gli permetta di vincere fin da subito senza dover attendere qualche anno per costruire un nuovo ciclo vincente. Chissà se, nel caso venissero confermati i “mal di pancia” di Carlo Ancelotti a Napoli, la nuova sfida di Antonio Conte sarà proprio sulla panchina azzurra? Di certo c’è che il Napoli risponde all’identikit tracciato dall’ex commissario tecnico della Nazionale, ovvero quello di una squadra di alto livello e capace di vincere fin da subito. Tempo al tempo… intanto la situazione “panchina” in casa rossonera resta in via di definizione e al momento Gazidis, Leonardo e Maldini non hanno ancora alcun accordo con l’allenatore per la prossima stagione: tra circa 15/20 giorni si avranno quindi maggiori certezze su tutti i fronti.

×