Samu Castillejo, esterno veloce chiamato a dribblare anche qualche scetticismo di troppo

by Gabriele Amerio | 16 agosto 2018

Altro colpo (quasi) concluso dalla dirigenza del Milan è stato l’acquisto di Samu Castillejo, ala spagnola che ha giocato l’ultima stagione con la maglia del Villarreal. Il giocatore, classe ’95, non ha ancora esordito con la nazionale maggiore spagnola ma spera che la sua esperienza al Milan possa portarlo a conquistare la maglia della roja.

Ala dal dribbling secco e dallo scatto deciso

Nonostante il Milan abbia giocato nelle ultime due stagioni con il 4-3-3, recentemente non ha mai avuto in organico un giocatore come lui. Di piede mancino, Castillejo ha mostrato le cose migliori giocando come esterno di destra, sia come ala in un attacco a 3 che in un centrocampo a 4 con le due ali molto offensive (al Villarreal le ali erano lui e Nicola Sansone). La sua giocata “classica” è il dribbling secco partendo dall’out di destra, rientrando sul piede preferito e scaricando il suo potente sinistro contro il portiere: la maggior parte dei gol in Liga li ha segnati così.

Ma non solo: Castillejo ha convinto anche Leonardo e Maldini per la sua duttilità offensiva: infatti, potrebbe essere un’alternativa (perchè no, anche a partita in corso) a Calhanoglu sull’out mancino, consentendo al turco o di tirare un po’ il fiato o di accentrare il suo raggio di azione. Inoltre, al Villarreal ha anche giocato, qualche volta, come seconda punta: in un attacco a due, Castillejo potrebbe anche essere un papabile partner di Higuain, combinando il suo dinamismo con l’istinto killer del nueve argentino.

Giovane età, esperienza europea

Nonostante Castillejo sia ancora molto giovane (ricordo, classe ’95), egli può vantare già una buona esperienza avendo alle spalle circa 150 partite con il Villarreal. Di queste, ben 24 sono state collezionate in ambito Europeo, proprio in quell’Europa League che il Milan disputerà anche quest’anno. L’anno scorso al Milan è mancato anche questo: esperienza internazionale. L’uscita dai palcoscenici europei per mano dell’Arsenal, squadra ultimamente maggiormente abituata a giocare competizioni continentali, brucia ancora: Castillejo potrà mettere a disposizione la sua voglia di fare, il desiderio di far ricredere gli scettici e la sua esperienza europea potranno essere una marcia in più per il nuovo Milan.

×