ESCLUSIVA, Pistocchi: “Milan, in panchina prendi un big! La Champions…”

by Raffaele Ferrara | 18 Maggio 2019

Il noto giornalista di Premium Sport, Maurizio Pistocchi, è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni. Un’interessante chiacchierata in cui abbiamo parlato della corsa Champions sempre più avvincente, dell’operato di Gattuso, della situazione San Siro e tanto altro. Intanto lo ringraziamo per la sua disponibilità.

Chi vede favorito tra Atalanta, Milan e Roma per il quarto posto?

L’Atalanta ha bisogno di uscire dall’Allianz Stadium contro la Juventus con almeno un punto altrimenti sarà dura e il Milan diventerà il favorito per il quarto posto.

Visto che conosce molto bene Gattuso, come valuta il suo lavoro da allenatore del Milan in quest’anno e mezzo?

Gattuso ha dato tutto quello che poteva dare, ma non è abbastanza per chi è stato abituato a vincere e convincere: il Milan ha una storia che non può prescindere da un gioco di qualità.

Secondo lei, la prossima stagione il Milan deve continuare con Gattuso o cambiare allenatore?

Voglio bene a Rino, ma penso che sia più opportuno cambiare allenatore. Il Milan è importante per il calcio mondiale non solo perché ha vinto, ma per “come” ha vinto: deve tornare a vincere e convincere e per farlo serve un gioco di qualità. I rossoneri per tornare al top devono prendere uno tra i cinque allenatori al mondo: Guardiola, Kloop, Sarri, Pochettino e Emery.

Negli ultimi giorni è stato accostato al Milan anche il nome di Gasperini. È pronto per una big?

No. Le sue squadre fanno un calcio fisico e di corsa, quello che i campioni non vogliono fare.

È pro o contro all’abbattimento di San Siro? Pensa che sia una mossa vincente per Milan e Inter costruire un nuovo stadio in comune?

San Siro è la storia del calcio ma se non può essere ristrutturato in maniera adeguata meglio uno stadio nuovo.

Quali pensa che siano i reparti in cui il Milan deve rinforzarsi maggiormente in estate?

Il Milan deve rinforzarsi in difesa e centrocampo: ai rossoneri servirebbero due esterni di difesa come Cancelo e Alex Sandro, un mediano come Jorginho e una mezzala come Allan.

Che ne pensa di Paqueta e Piatek? Possono aumentare il proprio livello?

Paquetà e Piatek sono due campioni ma hanno bisogno di un allenatore che li metta in condizione di poter dare il meglio di se stessi.

Se fosse un dirigente sportivo, su quali giovani talenti punterebbe?

Domanda impossibile, ma se avessi 270 milioni di euro per la mia squadra, comprerei De Ligt, De Jong, Chiesa e Jovic.

Cosa deve fare il sistema calcio italiano per risollevarsi e arrivare ai livelli della Premier League?

L’Italia è un paese in crisi che ha sprecato le sue occasioni, proprio come il nostro calcio.

Tra pochi giorni ci sarà la finale di Champions League tra Liverpool e Tottenham. Chi vede favorita?

Sarà una finale equilibrata, perché le due squadre si conoscono bene: Il Liverpool ha qualcosa in più, anche se il Tottenham visto con l’Ajax può fare qualsiasi impresa.

A cura di Raffaele Ferrara (@raffaf001)

×