Milan: ecco chi è Rade Krunic, colpo low cost per il centrocampo

by Gabriele Amerio | 13 Giugno 2019

In attesa di ufficializzare l’allenatore per la prossima stagione, il Milan si assicura il centrocampista bosniaco classe ’93 Rade Krunic.

Il giocatore, che nella scorsa stagione ha militato nell’Empoli, arriverà a Milano per una cifra attorno agli 8 milioni di euro. Un buon affare low cost per i rossoneri, che vanno così ad aggiungere un tassello importante nella mediana. Secondo i più recenti rumors, il giocatore non appena trovato l’accordo con la società avrebbe chiamato i suoi genitori dicendo “Ho realizzato il mio sogno. Ancora non ci credo“.

Mezzala di corsa o trequartista in alternativa

Dove e come si collocherà il giocatore nello scacchiere tattico dei rossoneri? Krunic ha fatto la fortuna dell’Empoli in un centrocampo a 3 soprattutto come mezzala di destra, in alternativa però anche mezzala sinistra e in certi casi anche trequartista. Le sue qualità principali sono sicuramente la generosità e l’atletismo, anche se il giocatore non disdegna il tiro da fuori, che quest’anno ha prodotto ottimi risultati dal punto di vista della realizzazione personale.

I numeri parlano di un giocatore con il vizietto del bonus: in questa stagione, Krunic ha messo a referto 5 gol e ben 6 assist, la maggior parte per Ciccio Caputo. Se il Milan dovesse acquistare una seconda punta che si muove molto e svaria sul fronte d’attacco, il centrocampista potrebbe beneficiarne e, perché no, magari anche migliorare il proprio score personale.

Il rovescio della medaglia, però, parla anche di un giocatore che non rinuncia al contrasto e che può anche prendere qualche cartellino di troppo: in 33 uscite stagionali, sono infatti 7 i cartellini gialli e anche un’espulsione. Sotto questo punto di vista, infatti, il giocatore dovrà migliorare: in una squadra che lotta per entrare in Champions e che disputerà l’Europa League, ogni cartellino ha un peso specifico importante in ottica rotazioni. Starà dunque al nuovo mister cercare di smussare il temperamento del ragazzo, alla prima esperienza in una big del nostro campionato.

I paragoni non si sprecano

Per come è stata condotta l’operazione, questo affare Krunic ricorda molto il percorso che ha portato in rossonero Juraj Kucka, anche lui gregario del centrocampo che in rossonero si è conquistato un posto da titolare e soprattutto nei cuori dei tifosi. La grinta e la corsa sembrano proprio quelle del giocatore ex Genoa: il Milan si augura che possa replicare le buone prestazioni con le quali Kuco ha sempre onorato la maglia.

Difficilmente Krunic partirà come titolare. In un ipotetico centrocampo a 3, il titolare come mezzala destra ad oggi è Kessié mentre a sinistra lo slot potrebbe essere occupato da Hakan Calhanoglu, alla ricerca del rilancio. Il bosniaco però potrebbe essere il jolly da giocarsi a partita in corso, in grado di far rifiatare gli uomini in mediana e di spaccare la partita con le sue incursioni palla al piede. Inoltre, potrebbe rappresentare anche un’ipotetica alternativa a Paquetà nel ruolo di “10”: certo, caratteristiche diverse, anche se molto dipenderà dal tipo di partita che fronteggeranno i rossoneri.

In conclusione, non si può non citare le parole le presidente empolese Corsi a proposito di colui che ha portato avanti nell’ombra la trattativa: “Non vi dico chi ha trattato per il Milan. Il mio direttore è stato colpito dalla signorilità e dalla trasparenza del personaggio ma non vi dico di chi sto parlando“.

a cura di Gabriele Amerio

×