Milan-Betis 1-2, le dichiarazioni dei protagonisti. Gattuso: “Giusto che venga messo in discussione.” Reina: “Fiducia nel mister.”

by Andrea Fabris | 25 ottobre 2018

Al termine della bruttissima prestazione di San Siro, diversi protagonisti della partita persa contro il Real Betis Siviglia si sono presentati ai microfoni di SKY Sport.

Gennaro Gattuso

“Abbiamo perso la bussola, è stata una partita di sofferenza, stavamo perdendo le nostre sicurezze. La squadra non gioca con la mente libera, non riesce a fare le sue giocate, si è sbloccata nel finale. Il Betis non ha rubato nulla, non parlo del rigore, la partita è stata dominata da loro. E’ la fragilità che mi preoccupa. Non siamo bravi dove abbiamo fatto la differenza, non ci riesce a trovare la fluidità del gioco, non riusciamo a far girare palla, dobbiamo parlare con i giocatori e vedere i problemi, potrebbe essere anche un problema di linea tattica. La squadra sembra lontana a quella di due settimane fa. Dobbiamo riuscire a capire quale è la soluzione migliore per migliorare. Oggi abbiamo cambiato tantissimo, non è una questione di modulo, di paura, a livello mentale non riusciamo a reagire. Non siamo padroni del campo. Non riusciamo a creare con la palla, si fanno le cose non con grande fluidità e non va bene. Higuain? Il problema non è Higuain, è la squadra a far fatica a girare. Qualche soluzione bisogna trovarla per fare qualcosa di diverso. Mancano gli inserimenti delle mezzali, si sono viste pochissimo, tante volte andiamo indietro invece che andare avanti. Siamo frenetici, non siamo tranquilli, anche difensivamente non ci stiamo comportando benissimo. Non sta girando la squadra, il primo responsabile sono io, devo riuscire a trovare la soluzione migliore per questa squadra. Le critiche? E’ giusto che io venga messo in discussione, alleno una squadra gloriosa, non deve essere un problema per i giocatori, deve essere un mio problema. L’entusiasmo di Milanello mi è piaciuto tantissimo, oggi abbiamo commesso degli errori, ma l’atmosfera di Milanello è diversa da quella che si respira fuori. Qualcosa stiamo subendo e pagando, dobbiamo tornare ad essere quelli che eravamo prima, altrimenti così è dura. Con l’Inter non era tutto da buttare, dopo una prestazione così è difficile dormire per un allenatore. E’ stata una delle prestazioni più brutte, sembravamo quelli che hanno perso a Verona e pareggiato col Benevento. Non si può fare un campionato importante giocando così e io sono il primo responsabile. Nella mia testa c’è tantissima preoccupazione e tanta amarezza. Non posso accettare una prestazione così.”

Alessio Romagnoli

“Abbiamo regalato 75 minuti buoni, abbiamo giocato male, dovevamo fare molto di più, dovremo fare molto di più già da domenica. E’ un periodo in cui tutto ciò che facciamo non lo facciamo bene, dobbiamo lavorare. Difesa a 3?Questo lo decide il mister.”

Pepe Reina

“Il primo gol? Questo è il nostro mestiere, a volte si sbaglia. Bisogna rialzarsi e imparare dagli errori. Il Betis palleggia molto bene, a volte ti viene nervosismo, bisogna leggere meglio le situazioni e avere l’umiltà di saper soffrire e tenere botta. Complimenti a loro perché sono stati una buona squadra, noi dobbiamo riguardare la partita e cercare di imparare. Non bisogna cercare colpevoli, bisogna essere freddi e domani si rivede la partita, si impara, si cerca di costruire e migliorare. Fiducia a Gattuso? Assolutamente sì, assoluta fiducia al mister, ora più di prima. Questa squadra può far bene, non tutto è buio, bisogna stare calmi, fare delle valutazioni è sbagliato.”

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

 

×