Le pagelle di Roma-Milan 2-1: Gigio, Theo e Hakan, poi, il nulla

by Andrea Fabris | 27 Ottobre 2019

Ecco le pagelle di Roma-Milan:

Gianluigi Donnarumma: 7 Due interventi importanti nel primo tempo, su Zaniolo e su Pastore nel finale. Pazzesca la sua parata nella ripresa, ancora su Zaniolo, che impedisce il tracollo. Non può nulla in occasione dei due gol. BALUARDO

Andrea Conti: 4,5 Una prima mezz’ora anonima, dove fatica molto in fase difensiva. Perde una palla clamorosa in occasione dell’occasione del possibile 2-0 di Pastore. Errore gravissimo che macchia una prestazione sarebbe stata comunque insufficiente. FERMO AI BOX (’52 Davide Calabria: 4,5 Entra per migliorare la situazione ma, forse, fa anche peggio di Conti. Se è vero che regala l’assist per il gol rossonero, poco dopo, regala a Dzeko la palla da cui scaturisce 2-1. Un errore imperdonabile, da scuola calcio. DISASTRO)

Mateo Musacchio: 5,5 Soffre terribilmente Dzeko. Deve anche rimediare spesso e volentieri ai disastri di Conti e Calabria. Ci prova anche in occasione del 2-1, ma non basta. SACRIFICIO.

Alessio Romagnoli: 5,5 Nell’uno contro uno riesce a contrastare bene Zaniolo. Theo Hernandez a sinistra fa il suo compito, perciò non soffre molto. Tuttavia, nel finale, si becca il solito giallo per proteste. VIZIO DA TOGLIERE

Theo Hernandez: 6,5 Finalmente un terzino! E’ sicuramente una delle poche note positive della stagione, ad oggi. Spinazzola lo soffre da matti e spesso riesce a fare male. Suo il gol rossonero, arrivato all’ennesima scorribanda sulla fascia. Bene anche in difesa. ROSSONERO FERRARI

Lucas Paquetà: 5,5 Fumoso e impreciso. Fa vedere ottimi spunti ma, una volta vistosi annullare – giustamente – un gol per fuorigioco, sparisce dal campo. ANONIMO (’63 Krzysztof Piatek: 5,5 Lui ci prova anche, ma non gli arriva un pallone giocabile. ABBANDONATO)

Lucas Biglia: 5 Inizialmente parte bene, poi, col passare dei minuti, crolla fisicamente. Nel finale perde un pallone clamoroso, rischiando di complicare ancor di più il risultato. AUTONOMIA LIMITATA (’71 Ismael Bennacer: 6 Per quanto resta in campo, fa il suo. SOLDATINO)

Franck Kessié: 5 Si dimentica Dzeko in occasione del primo gol giallorosso. A ciò, va aggiunto un pallone perso in are di rigore che rischiava di mandare in porta Pastore. SPAESATO

Hakan Çalhanoğlu: 6,5 Una delle poche note positive. Dal quando è rientrato dalla pausa Nazionali sembra un altro giocatore. Lotta come un leone ed è l’ultimo ad arrendersi. Tutte le (poche) azioni offensive passano da lui. CARRAMBA CHE SORPRESA

uno dei pochi a salvare la prestazione, con un primo tempo da leone e una ripresa nella quale si adatta in base alle indicazioni di Pioli. Di quelli in attacco, è l’unico a dare segnali di vita sul pianeta milanista.

Suso: 4,5 Non salta l’uomo, se calcia lo fa passando il pallone a Pau Lopez e sbaglia sempre la scelta decisiva in quelle poche azioni che vengono create. Ci accodiamo alle critiche che ha ricevuto in settimana #SUSOOUT

Rafael Leão: 5 All’inizio gestisce male un pallone calciando in porta quando Hernandez era tutto solo. Poi, crea poco e, piano piano, si eclissa. ECTOPLASMA

All. Stefano Pioli: 5,5 Sta lavorando e, probabilmente, anche bene. Paga gli errori dei singoli. L’unica colpa potrebbe essere continuare a puntare su chi è recidivo. CORAGGIO MISTER

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

×