Le pagelle di Milan-Sampdoria 0-0: Gigio, Theo e Bennacer le certezze; Ibra fa sperare

by Andrea Fabris | 6 Gennaio 2020

Ecco le pagelle di Milan-Sampdoria:

Gianluigi Donnarumma: 6,5 Una gara da “normale amministrazione” per lui, con pochi interventi su cui si fa trovare sempre pronto. Da premiare, però, la straordinaria parata su Manolo Gabbiadini al ’65. PAZZESCO

Davide Calabria: 5,5 La sua partita non sarebbe neanche male, perché difende bene e spesso riesce ad imbucarsi alle spalle di Murru, non trovando tuttavia la collaborazione di Suso. Il tutto, però, viene macchiato dal suo incredibile retropassaggio che manda in porta gli attaccanti della Samp. Fortunatamente, c’è Gigio. GRAVE, ANZI, GRAVISSIMO.

Alessio Romagnoli: 6 Gabbadini non è in gran giornata, e si vede quando conclude a rete. Bravo (e fortunato) a chiamare la salita della linea difensiva in occasione del gol annullato ai blucerchiati. NORMALE AMMINISTRAZIONE

Mateo Musacchio: 6 Oggi è in giornata, infatti Quagliarella riesce a fare poco niente. AIRPORT SECURITY

Theo Hernandez: 6,5 L’unica costante è la sua presenza nelle note positive della squadra. Forse spinge meno del solito, ma quando parte dà sempre l’impressione di poter creare qualcosa di pericoloso. TURBO-THEO

Rade Krunic: 5,5 Nel primo tempo è uno dei peggiori. Nella ripresa, fa meglio, riuscendo anche a mandare in porta Leao. Quando, invece, è Ibra a servire lui, calcia con una sufficienza che è lo specchio della sua gara. MOLLE (’85 Lucas Paquetà: sv)

Ismael Bennacer: 6,5 Cresce con il passare dei minuti e sforna l’ennesima grande prestazione: se gira lui, gira tutto il centrocampo. Bene nella prima frazione, decisamente meglio nella seconda, quando Pioli passa  al 4-1-4-1. DIESEL

Giacomo Bonaventura: 5 Brutta partita quella di Jack che, nel primo tempo, è uno di quelli che soffre di più e riesce ad incidere meno di tutti. Conclude anche a rete una volta, ma è l’unica cosa che riesce a fare oggi. SOTTOTONO (’55 Rafael Leao: 6 Ci sono giornate in cui entra con la voglia di giocare e giornate in cui preferirebbe stare a casa. Oggi aveva voglia. Quando entra mette in seria difficoltà la difesa della Samp. Conclude a rete con un bel sinistro sul primo palo e spreca una grande occasione imbeccato da Krunic. SERVE PIU’ CONCRETEZZA)

Suso: 4 Nel primo tempo si mangia due occasioni clamorose. I suoi cross vanno tutti nelle comode mani di Audero o addosso al petto di Colley, che di fronte a lui sembra Van Dijk. Sbaglia anche i passaggi più banali. ADESSO BASTA!!

Hakan Calhanoglu: 6 Dei tre davanti, nel primo tempo, è il meno peggio. Decisamente meglio nella ripresa, quando insieme a Krunic si posiziona dietro ad Ibra. Prova a concludere a rete diverse volte. SUFFICIENTE

Kzrzystof Piatek: 4 E’ vero, i palloni là davanti fanno fatica ad arrivare. Però, oggi, anche lui ci ha messo del suo. Ci si aspettava che magari l’arrivo di Ibra e la sua concorrenza lo aiutassero a tirare fuori l’orgoglio, ma niente.Unico spunto della sua gara, un colpo di testa smorzato di fronte ad Audero. NCS (’55 Zlatan Ibrahimovic: 6+ Entra lui e nasce una manovra offensiva. Due colpi di testa, un assist per Krunic e tanti spunti geniali per i compagni. E’ fermo, ma fa più lui che tutti gli altri nel primo tempo. L’inizio è incoraggiante. SUPREMACY)

All. Stefano Pioli: 5,5 Ci si aspettava un atteggiamento diverso dalla squadra dopo il 5-0 di Bergamo, ma non c’è stata. Deve avere il coraggio di mettere in panchina Suso che, in questo momento, è solo dannoso per la squadra. Bisogna lavorare sulla fase offensiva, perché là davanti la situazione è proprio tragica: 16 reti in 18 partite. SERVE CORAGGIO

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

×