Le pagelle di Lazio-Milan 0-0: Calabria il migliore, Suso impalpabile

by Andrea Fabris | 26 Febbraio 2019

All’Olimpico, finisce 0-0 la semifinale d’andata di Coppa Italia fra Milan e Lazio, con i rossoneri che soffrono parecchio i biancocelesti pur non lasciando loro grosse occasioni da gol.

Gianluigi Donnarumma: 6 Per lui normale amministrazione. La Lazio arriva più volte alla conclusione, ma non lo costringe a grandi interventi. Si prende un’evitabilissima ammonizione per proteste nella ripresa: è un vizietto che dovrebbe imparare a gestire. BRONTOLONE

Davide Calabria: 6,5 Di gran lunga il migliore dei rossoneri. Buona partita in fase difensiva e ottima gara anche nei pochi spunti nella metacampo avversaria. Praticamente, costringe Correa e Lulic a girargli al largo per provare l’affondo. La sua crescita nell’ultimo anno è davvero impressionato. POLOMONE

Mateo Musacchio: 6 Normale amminstrazione per l’hidalgo rossonero. Fa il suo, lotta e copre il suo capitano. Sulle palle alte, evita gran parte dei pericoli e riesce a limitare Immobile. AIRPORT SECURITY

Alessio Romagnoli: 6 Solita amministrazione anche per il capitano rossonero, che gestisce al meglio la linea difensiva. Anche lui, prende un giallo evitabilissimo, che forse ne condiziona il resto della gara. Impressionante anche la sua crescita, che lo sta portando ad essere uno dei migliori centrali in circolazione. MONUMENTO

Diego Laxalt: 6+ Buona prestazione per il laterale uruguaiano che, pur di fronte ad un avversario non facile, sforna una buona prestazione difensiva, lottando come un leone contro Romulo e Parolo. GARRA CHARRUA

Tiémoué Bakayoko: 6+ Solita buona partita del colosso francese, che controlla il centrocampo come una piovra e recupera diversi palloni da servire ai compagni. Tuttavia, i compagni soffrono davvero molto l’avversario, e anche lui fatica. SICUREZZA

Franck Kessié: s.v. Poco meno di mezz’ora per il centrocampista ivoriano, che è costretto ad abbandonare il campo dopo un duro contrasto con Parolo. Non riesce a carburare. (’29 Hakan Calhanoglu: 6+ Subentra dopo mezz’ora, con la testa rivolta alla Germania dove nelle prossime ore dovrebbe nascere suo figlio, ma il fantasista turco sforna comunque una buonissima prestazione. TURBO KEBAB)

Lucas Paquetà: 6- La partita non è semplice, ma lui soffre meno di tanti altri l’avversario. Potrebbe essere un dei migliori in campo, perché è uno dei pochi che prova a creare spunti dei compagni. Tuttavia perde dei palloni davvero sanguinosi in almeno 2-3 occasioni, che avrebbero potuto creare problemi molto seri. (’85 Lucas Biglia: s.v.)

Suso: 5 In assoluto il peggiore dei rossoneri. Oggi, il Milan sembra giocare in dieci sin dall’inizio perché lo spagnolo sembra non essere sceso in campo. L’andamento della partita non aiuta le sue caratteristiche, ma lui non fa nulla per cercare di giocare in maniera pulita i pochi palloni transitati dalle sue parti. IMPALPABILE (’73 Samu Castillejo: 5,5 Sicuramente meglio del suo connazionale, ma anche lui non riesce ad incidere. CANARINO)

Fabio Borini: 6  Ottimo lavoro per il Pirata, che spesso fa il quinto di centrocampo piuttosto che il terzo d’attacco, ma è l’andamento della gara che lo porta a ciò. ECLETTICO

Krzyzstof Piatek: 5,5 Arriva a concludere due volte in tutta la gara, ma non c’entra il bersaglio. Non è solo colpa sua, la squadra soffre e i palloni che girano nella metacampo laziale sono davvero pochi. ISOLATO

All. Gennaro Gattuso: 6 Anche stasera la porta rimane inviolata, tuttavia, l’atteggiamento della squadra non è positivo in fase di costruzione del gioco, al contrario di quello che abbiamo visto nelle ultime uscite. Ciò nonostante, la qualificazione si giocherà tutta a San Siro fra due mesi. LINEA MAGINOT

 

Andrea Fabris (@andreafabris96)

×