Il punto sul mercato: tre opzioni a centrocampo, idee chiare in difesa e davanti

by Gabriele Amerio | 9 novembre 2018

Siamo appena entrati in novembre ma il mercato del Milan non dorme mai. La società a gennaio vorrebbe rafforzare la rosa per arrivare in fondo sia in Europa League che in campionato.

Le idee in difesa: un nome su tutti

Il “sogno” per la difesa risponde al nome di Mehdi Benatia, marocchino in forza alla Juve. L’ex Udinese non è la prima scelta di Allegri e sembra essere sceso un po’ in fondo alle gerarchie. Benatia rappresenta l’identikit perfetto per ciò che sta cercando il Milan: un difensore pronto, che conosca bene il campionato e che possa giocare al fianco di capitan Romagnoli. L’operazione però è tutt’altro che semplice: la Juve non sembra essere pronta a privarsene, specialmente a gennaio.

L’alternativa al marocchino è un profilo totalmente diverso: si tratta di Eric Bailly del Manchester United. Il difensore ivoriano non sembra essere più quello che dominava sugli attaccanti di Premier qualche stagione fa e infatti ultimamente i suoi spazi a Old Trafford sono stati sensibilmente ridotti. Al momento però nessun contatto: si tratta solo di un osservato speciale.

Cantiere centrocampo: chi oltre a Paquetà?

L’obiettivo numero uno per la mediana è, come già noto, Leandro Paredes. L’argentino è il preferito della dirigenza e dello staff tecnico poiché è in grado di fare sia il regista che la mezzala, capace di mandare in porta esterni e attaccanti. Allo Zenit non si trova bene e un ritorno in Italia sarebbe più che gradito. Il suo arrivo a gennaio non è impossibile: la trattativa, però, è tutt’altro che chiusa.

Il secondo nome osservato dagli scout rossoneri è Lobotka, centrocampista del Celta Vigo in passato accostato anche al Napoli. Il Milan continua a tenerlo d’occhio, difficile pensare si possa tentare l’affondo sin da subito.

Oltre al piano A e il piano B, il Milan si riserva una terza opzione. Il profilo scelto è quello di Moussa Dembelè, centrocampista del Tottenham. Anche per il belga, un punto a favore è sicuramente la polivalenza e la sua capacità di giocare sia a 2 che a 3. Anche in questo caso, niente di concreto.

Come anticipato l’altro ieri su Instagram , un altro nome che circola negli ambienti Milan è quello di Maycon, centrocampista dello Shaktar Donetsk che ha anche una discreta esperienza europea. Per lui si parla comunque di un interesse per giugno: impossibile vederlo già a gennaio.

https://www.instagram.com/p/Bp5OtXtFUt0/?utm_source=ig_web_copy_link

Capitolo Ramsey: sebbene sia il sogno dei tifosi, il centrocampista dell’Arsenal sembra essere una soluzione a dir poco utopica. Tra bonus, stipendio e pretese dell’agente, la cifra richiesta da giocatore ed entourage si aggira attorno ai 100 milioni di euro spalmati in 5 anni, di cui 8 annui come stipendio. Cifra che ha fatto storcere il naso alla società, che sembra orientata ad allentare la presa.

Situazione Ibra

Come anticipato in tempi non sospetti, tra Milan e Ibra non c’è nessun accordo e in ogni caso non sarebbe una trattativa facile. In ogni caso, sia a centrocampo che soprattutto davanti, la società ha intenzione di valutare le occasioni di mercato e puntare su qualche under 26 che sia però pronto a dare una mano in caso di necessità.

Ed infine, le uscite

Tanti nomi per le possibili entrate, altrettanti i giocatori che molto probabilmente lasceranno Milanello a giugno 2019 quando scadranno i loro contratti. Mauri, Montolivo e Bertolacci non faranno parte della rosa del prossimo anno e porteranno nelle casse del Milan un risparmio di circa 6/7 milioni di euro. Soldi che potrebbero essere re-investiti in un giovane centrocampista: l’indiziato principale è Sandro Tonali, giovanissimo metronomo del Brescia. L’idea è quella di anticipare la concorrenza, cercando di strappare il classe 2000 anche alle altre big del nostro calcio.

Questa la situazione in casa Milan, tra osservati speciali e obiettivi dichiarati. E voi, su chi puntereste?

a cura di Gabriele Amerio (twitter: @gabrieleamerio)

×