Il Milan ronza ma non punge: al dall’Ara è 0-0

by Gabriele Amerio | 18 Dicembre 2018

Continua a soffrire di mal di gol il Milan di Gennaro Gattuso che, dopo lo 0-0 in casa contro il Toro, bissa il pareggio a reti bianche anche in trasferta col Bologna.

Milan che allunga di un punto sulla Lazio e rimane al quarto posto, anche se è evidente che la squadra rossonera sia in calo. Nel quarto d’ora finale duro colpo con l’espulsione di Bakayoko, che salterà la sfida interna con la Fiorentina.

Le pagelle dei nostri:

Donnarumma, 6,5: serata da spettatore non pagante per il 99 del Milan. Viene sollecitato da Palacio nel primo tempo e risponde presente. Bene anche in uscita coi piedi quando ferma Palacio lanciato a rete. Puntuale.

Calabria, 6,5: altra buona partita del Davidino nazionale, che corre e spinge come al solito sulla destra. Sicuramente uno dei migliori dei suoi, bene in entrambe le fasi. In crescita.

Zapata, 6,5:  altra buona prova del colombiano, che tallona Santander dal primo al novantesimo. In coppia con Romagnoli blinda la difesa e non concede nulla all’attacco felsineo. Muro.

Romagnoli, 6: partita senza infamie e senza lodi. Bene in copertura, un po’ meno in impostazione, dove sbaglia qualche passaggio. Importante però il suo recupero a pieno regime. Ritorno.

Rodriguez, 6: non soffre particolarmente le poche sortite offensive del Bologna. Si fa trovare con buona regolarità sulla fascia, bene anche in impostazione. Tranquillo.

Suso, 5,5: non è il giocatore che conosciamo. Chiuso bene, raddoppiato se non triplicato, lo spagnolo ha pochissimo spazio per scatenare la sua inventiva e il Milan ne patisce. Faro spento.

Kessie, 5,5: partita incolore dell’ivoriano, che pecca in fase di inserimento. Nel finale viene anche beffato con un’ammonizione generosa che gli precluderà la sfida con la Fiorentina. Sottotono.

Bakayoko, 5: due passi indietro per il francese, non tanto per la partita in se, quanto per la doppia ingenua ammonizione. Lascia in 10 il Milan ma soprattutto lascia senza alternative Gattuso, che contro la Viola dovrà inventarsi il centrocampo. Ingenuo.

Calhanoglu, 4,5: impresentabile. Non azzecca una giocata che sia una, ha solo un lampo quando dopo una buona combinazione con Higuain calcia ma fuori. Involuto.

Higuain, 5: calcia due volte nel primo tempo e lo fa debolmente. Dorme per una buona oretta, quando si sveglia prova a metterci del suo ma è ancora troppo poco per il giocatore che è. Offuscato.

Cutrone, 5,5: sembra essere anche lui giù di tono. Non è il solito pungiglione, raramente si rende pericoloso e sbaglia un po’ troppo. Confuso.

Castillejo 6 Laxalt s.v. Mauri s.v.

a cura di Gabriele Amerio

×