“Convinto dal progetto”: Milan, parla Maldini. E sul mercato Leo…

by Gabriele Amerio | 6 agosto 2018

“Come se non se ne fosse mai andato”. Così il presidente Scaroni ha accolto Paolo Maldini in conferenza stampa oggi pomeriggio a casa Milan. 

Visibilmente emozionato, l’ex capitano rossonero ha parlato di molti temi. In primis ha spiegato il suo ruolo, in totale simbiosi con il progetto di Elliott e completamente coordinato con il lavoro di Leonardo: “Mi occuperò sia della prima squadra, sia del settore giovanile e infine anche del mercato. Il ruolo offerto e la chiamata di Leo sono stati fondamentali nella mia decisione“. Ecco spiegato anche il motivo del no alla proposta di Fassone lo scorso anno e a Barbara Berlusconi in precedenza: Maldini non voleva essere nè ambasciatore nè figurina.

E alla domanda riguardante il suo rapporto con la tifoseria, ecco che Maldini risponde: “Il mio rapporto con i tifosi è stupendo. Mi amano e me l’hanno sempre dimostrato. Ciò che è successo è rimasto in quella giornata. Non devo ricucire niente. Sarò giudicato per quello che produrrò. Ho altri obiettivi in testa“. Dimenticati i fischi e l’addio turbolento: l’ex numero 3 è concentrato sulla sua nuova missione.

Sulla società Maldini è stato molto chiaro: Elliott è ben più che un fondo speculativo. “La società deve esser solida e lo sarà. Dobbiamo dar conto al #FFP, non ci saranno spese pazze. La società è seria e vuole tenere questo club per un periodo di medio-lungo termine.” Ancora una volta, viene ribadita l’importanza della serietà della società.

Capitolo Leonardo: a margine della conferenza di Maldini, qualche domanda sul mercato è arrivata. “Compatibilmente col #FPP non ci sarà il top, si può inventare un modo, facendo un mezzo miracolo, per avere qualcosa in più per la squadra. Non è detto che ci riusciremo“. Nonostante le smentite anche su Milinkovic, definito impossibile, non è detto che non arrivi il grande colpo a metà campo.

D’altronde, Higuain e Caldara insegnano…

×