La variabile impazzita Jack Bonaventura

by Gabriele Amerio | 6 Luglio 2019

Arrivato tra lo scetticismo generale in una calda e lontana estate, Giacomo Bonaventura ha smentito tutti i diffidenti con delle prestazioni molto convincenti in campo.

Negli anni bui dei rossoneri, Jack è sempre stato tra quelli che tiravano la carretta nei momenti di difficoltà e questo gli ha permesso anche di arrivare in nazionale. Ma nella stagione in cui il Milan aveva forse più bisogno dei suoi strappi e dei suoi inserimenti, la sfortuna ha voluto che si infortunasse e saltasse praticamente tutto il campionato. Adesso, come riportato dalla nostra redazione, Bonaventura è a Milanello pronto per iniziare al meglio la preparazione e per mettersi a disposizione di Giampaolo.

Il ruolo di Jack nello scacchiere di Giampaolo

Nei suoi anni al Milan, Bonaventura ha giocato principalmente come mezzala sinistra o come esterno sinistro, con qualche rara apparizione da trequartista. Per le sue caratteristiche, Jack è il centrocampista ideale per l’idea di gioco del nuovo tecnico rossonero, che potrebbe impiegarlo in varie zone del campo.

Sicuramente la scelta più logica sarebbe quella di schierarlo come terzo di sinistra: con un playmaker accanto e un trequartista abile nell’inserimento, Jack potrebbe essere servito con parecchi palloni e, con le sue percussioni palla al piede, aprire il campo e gli spazi per i tre giocatori offensivi davanti. I dialoghi nello stretto con Piatek, con il gioco di sponda del polacco, potranno essere delle armi interessanti per il Milan, che anche la passata stagione ha dimostrato dei limiti di gioco e di fantasia.

L’ipotesi più suggestiva, però, potrebbe essere quella di un ruolo nuovo: un “finto 10”, non il classico trequartista che tenta l’imbucata per servire il compagno meglio piazzato ma uno che sfrutta la spizzata del centravanti e prova a inserirsi alle spalle della linea difensiva. Un po’ il lavoro che faceva Saponara alla Sampdoria con Giampaolo. Anche da vertice alto del rombo, però, Bonaventura dovrà essere bravo a spezzare i raddoppi e a creare superiorità contro i difensori.

Mezzala o trequartista, però, una cosa è certa: Bonaventura è pronto a riprendersi il centrocampo del Milan.

a cura di Gabriele Amerio

×